Campitello

unidos post on marzo 28th, 2014

CAMPITELLO MATESE – PENSIERI

Il 21 Gennaio, le Seconde e le Terze Medie della Scuola Media Alberto Magliano di Larino, la mia Città, sono partite dal terminal per Campitello Matese ed io con loro! Nel viaggio, mi sono divertito molto, nel pullman ero con le altre seconde medie e sono stato gran parte del tempo ad ascoltare la musica e a chiacchierare. Durante il viaggio, mi è venuto un gran mal di pancia, soprattutto nel tratto delle curve che portano alla montagna di Campitello Matese. Quando siamo arrivati alla meta, ci aspettava un bellissimo paesaggio, fatto di alberi innevati e grandi piste da sci. Appena arrivati in albergo, i professori ci hanno consegnato le chiavi delle camere. ed io sono capitato in stanza con Anthony e Francesco. Quella mattina, avremmo dovuto sciare, ma pioveva, quindi siamo andati in camera per metterci la maglia e i jeans. Quando mi sono tolto quella stramaledetta calzamaglia, mi sono sentito libero, come se fossi rinato, perché pizzicava a morte!!!!! Dopo, siamo scesi nella hall ed ho giocato a carte coi miei amici. Poi siamo andati a mangiare. I camerieri ci hanno servito un piatto fumante di pasta al forno che era ottimo. Finito l’abbondante pasto, sono andato coi miei amici ai divani della hall a parlare, davanti alla tv, di calcio. Nel pomeriggio ha continuato a piovere e, per nostra tristezza, non abbiamo sciato. Quindi siamo andati nella piscina dell’albergo, dove ho sguazzato nell’acqua. Usciti da lì, siamo andati a fare una bella doccia, ognuno nelle proprie camere, e a vestirci per la sera. Abbiamo cenato, ma devo dire che la cena non è stata all’altezza del pranzo: tra i piatti serviti, c’era una specie di melma, una salsina, sulla fettina di carne. Siamo scesi per la cena e poi siamo andati a divertirci in discoteca, che era nell’albergo stesso, perché c’era una sfida tra maschi e femmine, in cui, naturalmente, abbiamo vinto noi maschi! Quando è finita, siamo andati nelle nostre camere. La mattina dopo, con nostro grande sollievo, si poteva sciare, perché durante la notte era nevicato, perciò siamo andati sulle piste, con i professori!

I professori sono stati, stranamente, un po’ più bravi di quanto lo sono a scuola, perché sono stati sempre presenti, ma non sono stati molto pesanti, con noi!

NICO ROSSI IIC

Pista!!!!! (Francesca Franchella IIC)
Arrivo a Campitello (Carla Di Paolo IIC)

Prima di partire dal terminal degli autobus di Larino, ogni tanto saliva un genitore che salutava e raccomandava il figlio agli insegnanti. Finalmente, alle 7.oo, siamo partiti e come il pullman ha svoltato la prima curva, tutti abbiamo iniziato a gridare: “Campitello, stiamo arrivando!” e a battere le mani, in segno di festa!
Iniziata la salita della montagna che porta a Campitello, ci siamo tutti affacciati al finestrino per vedere quanto fossimo in alto: si vedevano gli alberi spogli, marroncini, la neve bianca, candida, sembrava soffice come se avesse appena finito di nevicare.

SILVIA DE CAMILLIS IIC
Arrivati a Campitello, abbiamo iniziato a urlare, perché avevamo visto, dopo tanto tempo, un po’ di neve!

BARBARA SEDILE IIC

A Campitello, la mia stanza era al quarto piano ed era la più grande! Lì ho dormito con Valeria, Laura, Elena e Teresa. Una volta avuto il pass per aprire la stanza, sono passati i Proff per chiedere se ci eravamo sistemate per bene e ci hanno anche detto di scendere a prendere i caschi, obbligatori per la nostra età, per poter sciare! A pranzo del primo giorno, il cibo era abbastanza buono, specialmente la pasta al forno, invece, l’ultima sera, siamo andati a mangiare la pizza al ristorante, che era buonissima! L’ultima mattinata, siamo andati a sciare su una pista lunghissima, ed io non sono caduta per niente, finalmente! Abbiamo sciato per tutto il giorno, fino al pomeriggio, con la pausa pranzo, naturalmente!

CARMEN ILARDI IIC

Tutti in pista (Silvia De Camillis IIC)